Blog

Read More

Dominik Paris, l’ex ribelle diventato campione

Quando sei certo della tua forza, ti puoi permettere di mascherare. Dominik Paris nelle prove in discesa libera di venerdì si era guardato bene dal tirare le linee perfette della gara e dallo spingere al massimo nel tratto finale. Dopo aver fatto registrare i migliori tempi nella parte alta, in basso aveva smesso di spingere. Come un ciclista che si siede a pochi metri dal traguardo. A lui bastavano le risposte ricevute dalla pista norvegese di Kvitfjell, quella che lo aveva visto vincitore già nel 2016. Le carte le ha scoperte solo in gara dove, nel finale, negli ultimi 15 secondi di gara, ha inflitto oltre mezzo secondo allo svizzero Beat Feuz che già pregustava la vittoria nella Coppa di specialità.

Read More

Sentirsi pronti, il focus mentale del giovane Piatek

Nelle stesse ore in cui Krzysztof Piatek nasceva (era l’inizio di luglio del 1995), al Milan arrivava un fenomeno chiamato Roberto Baggio. Il Divin Codino, messo alla porta dalla Juventus di Marcello Lippi, era approdato a Milanello insieme a un altro campione di livello assoluto: un tale George Weah, centravanti liberiano acquistato dal Paris Saint–Germain e premiato nel 1995 con il Pallone d’oro, con il FIFA World Player e come Calciatore africano dell’anno. Un Milan stellare, allenato da Fabio Capello, che ad aprile del 1996 vincerà lo scudetto staccando di 8 lunghezze proprio la Juve del neo–bomber Alessandro Del Piero.

 

Questo simpatico parallelo

Read More

Siebenhofer, la vittoria l’ha resa una “vincente”?

È un periodo di forma straordinario per la Siebenhofer. Reduce dalla doppietta sulla Olympia delle Tofane, Ramona è in grandissima forma psico-fisica ed è pronta a ripetersi durante la due-giorni di Garmisch, valevole per la Coppa del Mondo di sci alpino 2019. Le atlete esordiranno sulla famosa Kandahar con la discesa libera, una gara che si annuncia decisamente spettacolare e imprevedibile.