Sport di montagna

Read More

Le migliori storie del 2018 in Sport Power Mind (pt. 1)

Si sta per chiudere un 2018 che ci ha visto, come Sport Power Mind, sempre in prima linea nel raccontare storie di campionesse e campioni di ogni disciplina. Con una media di due articoli a settimana, i lettori del nostro blog hanno potuto approfondire le gesta, ma soprattutto gli aspetti legati alla preparazione mentale, di personaggi del calibro di Francesco Molinari, Sofia Goggia, Marco Cecchinato e Carolina Kostner (tanto per citarne una minima parte). Come spesso si usa nelle redazioni a fine anno, insieme a Lorenzo Marconi (performance coach di ISMCI) abbiamo commentato alcune storie che hanno riscosso maggiore successo sulle pagine social targate SPM.

Read More

Una spinta straordinaria per Brignone, Goggia e le Fanchini

I valori indirizzano tutte le nostre scelte dando una direzione alla nostra vita. Sono come una stella polare che sta davanti a noi, che ci guida nel prendere le decisioni determinanti per il nostro cammino. Se desideriamo raggiungere livelli di massima realizzazione nella vita, possiamo farlo solo decidendo quali sono le cose più importanti per noi, i nostri valori più alti e facendo il possibile per vivere ogni giorno della nostra esistenza in base a questi principi, sempre e indipendentemente da ciò che accade.

Vivere secondo i nostri valori e i nostri standard anche quando le cose non vanno come vorremmo, quando le persone non si comportano come ci aspettavamo facessero, quando tutto sembra essere contro di noi. Vivere secondo i nostri valori, agire coerentemente con quello che secondo noi è il senso della vita ha il potere di conferire una felicità duratura, una sensazione di sicurezza, di pace interiore e di totale congruenza, che pochissimi raggiungono”.

Read More

Innerhofer, come togliere una tragedia dalla mente

“Quando arrivi alla partenza e vedi la bandiera della Francia con un mazzo di rose, non è facile mettere i bastoncini fuori dal cancelletto e dire: rischio al cento per cento. Come fai a non avere queste immagini in testa?”. Parlava così qualche giorno fa Christof Innerhofer, azzurro campione del mondo di Super Gigante nel 2011, ancora traumatizzato dalla tragedia che ha spezzato la vita del francese David Poisson, finito contro un albero in allenamento a Nakiska, in Canada, soltanto tre settimane fa.